17 gennaio 2008

logo o no logo?

Pubblico un recente commento di un affezionato lettore. Nonchè carissimo fratello nella fede, Marcello.
Lo ritengo indispensabile per completare al meglio i "capitoli" 1 e 2 sul tema "potere".

------------------------------------------

Il Vangelo su questo tema è chiarissimo e non lascia spazio a interpretazioni: il ruolo/potere/dignità deve farsi servizio per l’altro. Altro non è dato.

Mi permetto per la seconda volta di citare don Andrea Santoro, prete e missionario romano in Turchia, perché il nostro caro moralista lo conosceva bene.

Pochi giorni prima di essere ucciso, tentando di spiegare il ruolo/potere/dignità della Chiesa e dei cristiani in Medio Oriente, scriveva: “Il vantaggio di noi cristiani nel credere in un Dio inerme, in un Cristo che invita (…) a servire per essere “signori” della casa, a farsi ultimo per risultare primo (…), è un vantaggio da non perdere. È un vantaggio che può sembrare ‘svantaggioso’ e perdente e lo è, agli occhi del mondo, ma è vittorioso agli occhi di Dio e capace di conquistare il mondo. (…). Non è facile, come non è facile la croce di Cristo sempre tentata dal fascino della spada.” (Lettere dalla Turchia, p. 234).

Penso che queste parole si applichino bene anche al ruolo/potere/dignità della Chiesa e dei cristiani nel mondo intero, oltre che nel Medio Oriente.

Don Andrea in particolare sottolinea il fatto che il modello di questo ruolo/potere/dignità è la croce. E la croce non è il “logo” della Chiesa o dei cristiani, ma è morire per gli altri.

5 commenti:

Ale ha detto...

...vorrei aggiungere al "ruolo/potere/dignità che deve farsi servizio per l’altro"...con Umiltà.
L'Umiltà che deve farci avvicinare all'altro senza presunzioni che spesso, pieni delle nostre certezze e verità,ci impediscono di capire la vita altrui...non dando testimonianza alla Verità.

il moralista... ha detto...

benvenuto ad Ale...
umiltà è un'altra parola tacciata di essere figli di un "pensiero debole"...
chissà se anche il moralista che predica tanto, ne ha almeno un pochina?

marcello ha detto...

il moralista è molto umile... e che vuole che tutti lo sappiano.

il moralista... ha detto...

... sto sghignazzando...

Anonimo ha detto...

Grazie del tuo passaggio da me.
Passerò nuovamente per "leggerti" con più attenzione e capirne il senso dei tuoi scritti.

Per il commento da me: tutti abbiamo qualcuno con cui "rivedere" gesti o parole.

Mario