08 aprile 2008

potere è servire

Ieri sera abbiamo ricevuto una bellissima visita.

Tre donne e un uomo, un sacerdote, della comunità (anche se loro amano definirsi "Famiglia"), Miriam-Betlemme, un'esperienza di fede che vede insieme laici, famiglie e religiosi. Ha mosso i suoi primi passi in Quebec (Canada) nel 1978 e che, per quanto riguarda l'Europa, è presente stabilmente in Belgio.

Tralascio altri dettagli privati e la mia profonda gratitudine per questa presenza in casa nostra, per consegnarvi quella che mi pare una piccola perla.

Era presente la superiora della Comunità (che è la prima a succedere alla Fondatrice, suor Jeanne Bizier, ancora vivente). Ebbene, la superiora, la piccola sorella Johanne Lavoie ... non è la Superiora: si fa chiamare "Serva generale".

Mc 9, 35: "Se uno vuol essere il primo, sia l`ultimo di tutti e il servo di tutti".

E quando teneva la nostra di Miriam in braccio, beh, sembrava significare tante cose.

(per rompere il ghiaccio, dopo lungo silenzio)

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Che il tuo post possa servire anche da monito in questo delicato momento pre-elettorale. Purtroppo lle elezioni, da qualche tempo, vengono in Italia ad assumere il valore di una "emergenza" democratica: non si sceglie tra due schieramenti con programmi alternativi ma rispettabili, ma tra il rispetto delle regole e i diliri dei "fuori di testa" (non mi riferisco a Totti, ma a chi parla di fucili, di mafiosi-eroi, di volgari baratti fra alte cariche istituzionali). Correre a votare allora non è solo un consiglio, ma un'imposizione morale. Buon voto!
torietoreri

holdenC ha detto...

sono post come questi che mi hanno fatto diventare fan del moralista!

il moralista ha detto...

era un post velatemente elettorale... lieto che tu lo abbia colto.