23 dicembre 2008

era tutto chiaro davvero

(buon Natale!)

Gesù è nato al freddo davvero,
davvero era notte, davvero
c’era l’odore cattivo degli animali, davvero Maria e Giuseppe per proteggerlo
hanno dovuto fare salti mortali.

Per davvero avevano dovuto obbedire a un ordine scomodissimo
d’un imperatore
e muoversi a centinaia di chilometri
a pochi giorni dal parto.
Per davvero non avevano trovato
posto nelle case e negli alberghi.
Per davvero Maria dovette
partorire in queste circostanze.
Per davvero furono avvolti
nella povertà, nella solitudine e nell’incomprensione.

Per davvero si chiesero: perché tutto questo?
Perché tanta
cecità e insensibilità?

Gioirono per la nascita di Gesù, si
scambiarono con un semplice sguardo tutti questi interrogativi, pregarono, fissarono gli occhi sul mistero di quel bambino spoglio della gloria divina e privo di alcuna gloria umana.
A guidarli in questo mistero furono il canto degli
angeli, l’arrivo dei Magi e la venuta dei pastori che lo acclamavano Salvatore.
Proprio nascendo in “quel modo” Gesù
diventava il Salvatore degli uomini! Era tutto chiaro!

(don Andrea Santoro, Lettere dalla Turchia, Natale 2001)

p.s. grazie a Marcello e Ilaria, dello spunto e della loro fraterna amicizia.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

E auguro a te e alla tua famiglia "davvero" un Natale sereno, pieno dei doni che solo il Signore può portare.
Un abbraccio
Mirella

Speakold ha detto...

Mi domando: perchè allora scrivono tutti a Babbo Natale?

Ho detto a Irene che io le lettere le scrivevo a Gesù Bambino... mi risponde: Ma anche lui aveva le renne? (questa è per Alessandro Iapino)

Vediamo che altro succede in questi giorni ... comunque "non è tutto chiaro" almeno non per tutti forse neanche per me ..

Comunque oggi pomeriggio scrivo la lettera a Gesù Bambino con Irene.

Chissà!!

Ma non è forse colpa della cattiva pubblicità? Chissà se cambiando agenzia pubblicitaria succede qualcosa ..

Auguri di cuore a tutti voi

Domenico

il moralista ha detto...

Caro Domenico, anche mia moglie ha fatto la stessa obiezione... per qualcuno, anche per ciascuno di noi a volte non sembra chiaro per niente...

Sarà che quelli dell'agenzia pubblicitaria che dici tu hanno esagerato con effetti speciali, direct marketing e politica di marchio?

Forse non serve cambiare agenzia, se non cambia la ragione sociale.

Meglio cambiare i cuori, anche - tutti i giorni - quelli di chi come noi si professa cristiano.

Anonimo ha detto...

Nel tempo di Natale, e in vista dell'inizio del nuovo anno, vi auguro tutto il bene possibile... e impossibile (siamo cristiani, no?). Un abbraccio
torietoreri